fbpx

Il Consigliere Regionale Marangoni esprime dubbi sul “piano delle coste”.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voti. Media: 5,00 su un totale di 5)
Loading...
Consigliere Regionale Marangoni

L’adozione definitiva del Piano delle Coste è stata deliberata con atto numero 1271 del 17 Novembre scorso, non sono mancata però le critiche, in questo caso espresse dal Consigliere Regionale di Forza Italia Marangoni, che contestava la pericolosità per i litorali nord e sud di Porto Recanati, la riportiamo di seguito:
“Con le mie osservazioni, intendevo rafforzare la difesa della costa laddove il Piano sembra essere poco incisivo, evidenziando così lacune nel’analisi della grave situazione dovuta alle mareggiate che da due anni stanno colpendo Porto Recanati. Alcune delle mi osservazioni, respinte dal servizio Infrastrutture e Trasporti della Regione Marche, intendevano aggiungere la necessità della realizzazione di scogliere emerse ed il potenziamento, anche in altezza di quelle già esistenti. Altre azioni prioritarie, sia per il lungomare sud sia per quello nord, erano la tutela dei manufatti, delle case e degli chalet, tramite pannelli laddove questi non esistono per nulla e la salvaguardia della strada litoranea, la quale vede indebolirsi sempre più la parete a scogliera che la difende.
Sembra che certi tecnici non siano mai stati da queste parti o hanno fatto un’analisi superficiale. Oppure l’analisi per alcuni transetti è volutamente differente rispetto alla reltà onde evitare di fotografare lacune addebitabili a passate gestioni regionali della difesa della costa? a pensare male si fa peccato ma spesso ci si indovina”.

Marangoni critica inoltre la manca della frase sulla tempistica che aveva chiesto di inserire: “la realizzazione delle scogliere e dei pannelli deve comunque essere fatta entro il mese di Febbraio 2015”, concludendo:
“Respingendo anche questa osservazione forse la Regione intende avere le mani libere di agire con i tempi elefantici che spesso le sono propri? Morale: anche l’estate 2015 vedrà Porto Recanati senza scogliere con grave danno per il turismo, l’economia e l’occupazione”.

Articoli Correlati